.
Annunci online

dilux
irriverenteMente blog


Diario


6 ottobre 2006

Vota Antonio! Vota Antonio! Vota n. 47 Antonio La Trippa!


Ho raggiunto la pace dei seggi ormai da anni, anche se continuo comunque a riconoscere alla scheda elettorale una sua atavica ed intrinseca detergente funzionalita'; insomma se non fosse per il piombo dei caratteri di stampa, mi ci pulirei beatamente il culo. Storicamente nasco come elettore di sinistra, per tutta una serie di motivi che tra l'altro non rinnego, ma nel corso della mia passata vita di elettore ho poi votato letteralmente di tutto. Adesso francamente, anche volendolo, non saprei proprio a chi accordare le mie preferenze, vista la perniciosa fauna che ancora infesta la nostra politica. Ci sono ancora in giro Cirino Pomicino! Ciriaco De Mita!! Mastella!! Buttiglione!!! Ma siamo matti?! E i figli di Craxi che si sono fraternamente divisi uno schieramento politico a testa.
Del Cavalier, l'Arma e le more (e pure le bionde) le vicende io canto. Prodi o Berlusconi... Ovvero vuoi prenderlo in quel posto alla pecorina o a smorza candela? A proposito di posture elettorali, non so perche' ma a questo riguardo mi torna in mente l'On. Cicciolina. In Italia manca una classe politica responsabile e in questo contesto sarebbe riduttivo considerare le sole e gia' tanto deprecate uscite irresponsabili di Berlusconi. Il confronto politico assume ormai sempre piu' gli svilenti toni da bar sport e la contrapposizione tra le diverse fazioni ha una preoccupante deriva da curva di stadio. Come detto, pur avendo una forma mentis sostanzialmente sinistroide, mi e' capitato di votare di tutto. In ordine rigorosamente sparso: Socialisti, Repubblicani, Comunisti, Alleanza Nazionale, Democratici di Sinistra, Forza Italia, Verdi e Radicali. Ho sempre tenuto in altissima considerazione il privilegio di poter votare, essendo questa per me l'unica occasione in cui ho fattivamente la possibilita' di esprimere un giudizio su chi decide delle sorti del mio Paese. E nei limiti delle mie possibilita' ho sempre cercato di esprimere questo giudizio in modo critico, riconoscendo al voto una valenza retrospettiva piuttosto che aprioristica. Intendo dire che votare significa per me esprimere un giudizio su cio' che e' stato fatto dal governo uscente e non da cio' che promette un eventuale governo entrante. Premiare cioe' un buon operato, oppure aprirsi ad una scelta alternativa anche se non aderente alle proprie piu' intime convinzioni. Il rischio del "tifo" politico e' quello di votare in modo non critico, dando cioe' il proprio voto alla propria "squadra" e a prescindere (come direbbe il Principe De Curtis). Votare a sinistra perche' si e' di sinistra o votare a destra perche' si e' di destra. Questo va bene per una squadra di calcio, dove io faccio l'abbonamento al Real Cinisello Balsamo perche' sono comunque tifoso del Real Cinisello Balsamo, anche se nell'ultimo campionato hanno fatto schifo e ripugna. E per lo stesso motivo mai faro' l'abbonamento agli odiatissimi rivali storici dell'Atletico Casal Fusterlengo, anche se oggettivamente hanno messo su proprio una bella squadretta ed e' un piacere vederli giocare... Ma in politica no. In politica no. Non si puo' dare il proprio voto a scatola chiusa solo perche' "sono di destra" o "sono di sinistra". Perche' i signori di sinistra, cosi' come quelli di destra, sanno di poter comunque contare sul bacino di voti dello zoccolo duro della "curva", e poi si fanno beatamente i loro porci comodi impippandosene di valori, ideali, e tutto il resto della gadgettistica a corredo di una qualsiasi canonica convinzione politica. Per questo mi e' capitato di votare i gialli deluso dai turchesi, per poi votare i violetti deluso dai gialli, etc etc Ogni volta mi son detto, cari signori mi avete deluso, per favore tornatevene a casa e lasciate tentare gli altri. Ma poi gli altri son finiti o comunque eran sempre gli stessi che si rimettevano in fila una seconda volta. Ed io ho smesso dunque di votare. Di Pietro mi affascino' ai tempi di Mani Pulite e aspettavo fiducioso la sua scesa in politica. Ennesima delusione. Si', perche' alla fine si e' poi piegato ai giochi di potere dei soliti noti ed e' affogato anche lui nella brodaglia primordiale della nostra politica. Ho avuto la percezione che si sia schierato dove si e' schierato per timore di eventuali rappresaglie da parte dei suoi ex-colleghi. Perche' la magistratura non e' super-partes e non si puo' onestamente pensare che lo sia, anche se magari fa piacere e sarebbe rassicurante poterlo credere. Digressione sulla magistratura. Mi ha sempre stupito il fatto che le facolta' giuridiche siano storicamente di destra, per poi scoprire invece nella magistratura una latente deriva a sinistra. Buffo. Che ne sara' mai di tutte le matricole destrorse? Chiusa la digressione.
Insomma tutto questo per dirvi che ho mangiato all'Albero della Conoscenza ed ho irrimediabilmente perduto la fiducia nella Dignita' dell'Homo Politicus.
Scheda Bianca!
Sommergiamo la nostra mediocre classe politica con un abbacinante e silente disprezzo...




permalink | inviato da il 6/10/2006 alle 17:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia            novembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
PoLLitica
Emporium
Qultura e Spettacolo
Premi IgNobel
Effetto Serra
Bestiario
Walter Ego, soliloquio a due

VAI A VEDERE

Dove vivo
Dove lavoro
Promozione per il mio amico Herriot
Semplicemente Beppe
Incubicolo
Dove gioco a scacchi
Per chi vuole viaggiare easy-going
Doveroso pellegrinaggio per chi ama il Calcio
Doveroso pellegrinaggio per chi ama la Gnocca
Nicola, la mia amica artista
Attivissimo, di nome e di fatto


Hanno detto di me:

Dio esiste (Il Papa)
Ammazza che fusto! (Alberto Sordi)
So che frequentava la sorella di Zidane (Materazzi)
Un bravo picciotto e' (Don Corleone)
Per lui ho anche lasciato il mio cammello! (la sorella di Zidane)
Wow! (Cicciolina)
Allah e' grande (Osama Bin Laden)
Aho'! (Totti)
Non importa chi segna, l'importante e' vincere (Inzaghi)
Voglio il suo pancreas su di un vassoio! (la madre di Zidane)
Scusi, scende alla prossima? (un passeggero del 90 barrato)

La Terra dei Cachi
Il nostro e' un paese con l'acqua alla gola. E dico acqua perche' voglio essere ottimista.


Omeopatia

play chess online
Quando il gioco si fa duro... son cazzi amari!

un'alternativa a Windows

 Use OpenOffice.org
e una al pacchetto Office

CERCA